Recupero crediti ed Esecuzioni

Recupero crediti

CONTATTACI


Sede di Bologna:

Sede di Lecce:

Sede di Roma:

Fin dal 1923 lo Studio Legale Lazzari si occupa di tutelare gli interessi delle aziende, ma anche dei singoli privati, che abbiano difficoltà a recuperare i loro crediti.

L’assistenza professionale viene fornita su ogni questione giuridica attinente il recupero crediti: dalla fase stragiudiziale, mediante l’invio di lettere di diffida e messa in mora, alla predisposizione di accordi e piani di rientro, fino alla fase giudiziale, con la redazione di ricorsi per decreto ingiuntivo e precetti. In questo ambito assistiamo i nostri Clienti anche nella fase dell’esecuzione forzata, attraverso pignoramenti mobiliari ed immobiliari, nonché nelle vendite all’asta e nelle altre esecuzioni immobiliari.

Ci occupiamo di recupero crediti ed esecuzioni in tutta Italia, attraverso una rete stabile di collaboratori e domiciliatari su tutto il territorio.

Per assicurare ai nostri clienti il miglior risultato possibile, esaminiamo attentamente ogni questione sia sotto il profilo giuridico che patrimoniale. Chi si rivolge al nostro Studio, infatti, ha la garanzia di essere seguito (se necessario) anche da un team dei migliori investigatori e specialisti della zona, che assistono il Cliente nella delicata analisi preventiva di solvibilità del debitore.

Tutto questo per evitare che il creditore possa subire un duplice danno, di non riuscire a recuperare il credito e di dover affrontare le spese della procedura giudiziaria.

Per queste ragioni collaboriamo da tempo con società specializzate in investigazioni patrimoniali che, attraverso la consultazione di banche dati e registri pubblici nonché attraverso altre fonti informative non pubbliche (informazioni in loco, presso dipendenti o ex dipendenti, debitori del debitore, informazioni bancarie etc.), sono in grado di effettuare una vera e propria “radiografia” della complessiva situazione economica e finanziaria del debitore, individuando i beni utilmente pignorabili.

Contatta il nostro Studio Legale che si occupa da anni di recupero crediti. Scegli la sede a Te più vicina: Bologna, Lecce o Roma. Ci spiegherai la Tua situazione e solo successivamente, se riterremo che ci siano i presupposti e deciderai di proseguire con la pratica, ci farai avere copia di tutti i documenti in tuo possesso, ed eventualmente quelli che Ti consiglieremo di procurarti.

Rivolgersi agli avvocati del nostro Studio Legale è la migliore soluzione per Te per fare in modo che i Tuoi diritti vengano veramente tutelati.

Contattaci quindi ai nostri numeri telefonici per un primo colloquio o per valutare la Tua posizione o, ancora, per intraprendere un’azione di recupero crediti tramite i nostri avvocati.

Noi metteremo a Tua disposizione tutti gli strumenti migliori perché Tu abbia la dovuta soddisfazione nel minor tempo possibile!

 

FAQ

1.Che differenza c’è tra recupero crediti giudiziale e recupero crediti stragiudiziale? L’attività stragiudiziale è finalizzata a sollecitare bonariamente il debitore a regolarizzare la propria pendenza, mediante l’invio di una lettera di diffida o la definizione di accordi e piani di rientro. Il recupero credito giudiziale comprende invece tutte le iniziative giudiziarie che il creditore deve necessariamente avviare se il debitore non adempie spontaneamente.

2.In quanto tempo viene definita una pratica di recupero crediti? Non è piuttosto dare una risposta unitaria. Molto dipende dal carico di lavoro dei Tribunali e dalle specificità del singolo caso concreto. Il nostro Studio assicura la massima tempestività di evasione della pratica; così, ad esempio, siamo in grado di depositare un ricorso per decreto ingiuntivo in meno di una settimana dall’invio di tutta la documentazione necessaria.

3.Quali sono i costi per il recupero crediti? I costi sono in proporzione al valore del credito. Peraltro, i costi di tutta l’attività di recupero sono tendenzialmente addossati al debitore all’esito di ciascuna procedura.

4.Che cosa è un decreto ingiuntivo? Per ottenere il pagamento di crediti insoluti fondati su prova scritta viene solitamente avviato il procedimento per ingiunzione di pagamento. Depositato il relativo ricorso si potrà ottenere in tempi rapidi il decreto ingiuntivo, con il quale il Giudice condanna il debitore all’adempimento della propria obbligazione entro il termine ordinario di 40 giorni.

5.E’ possibile opporsi al decreto ingiuntivo? Si. Entro 40 giorni dalla notifica del decreto, il debitore può opporsi, contestando l’esistenza del credito. In mancanza, il decreto acquisterà efficacia esecutiva.

6.Cosa è il precetto? E’ l’atto con cui il creditore intima, per il tramite dell’ufficiale giudiziario, il debito al pagamento del debito accertato. Se il debitore insiste nel proprio inadempimento pur a fronte della notifica del decreto ingiuntivo, il creditore potrà dare avvio alla procedura di esecuzione forzata sul patrimonio dello stesso, sottoponendo a pignoramento i suoi beni e ottenendo in tal modo concreta soddisfazione delle proprie ragioni.

7.Cosa è il pignoramento? E’ l’atto con cui si inizia l’espropriazione forzata. Esso consiste in una ingiunzione che l’ufficiale giudiziario fa al debitore di astenersi da qualunque atto diretto a sottrarre alla garanzia del credito i beni che sono oggetto dell’espropriazione e i frutti di esso.