Infortunistica stradale:

Hai bisogno di un consulto veloce da parte di uno dei nostri esperti?

Avv. Maurizio Lazzari
Studio Legale Lazzari

SIAMO ESPERTI IN RISARCIMENTO DANNI DA SINISTRO STRADALE

Cosa possiamo garantire ai nostri clienti:
  • massima serietà
  • competenza ed esperienza
  • presenza in tutta Italia

Il punto di partenza è un’analisi iniziale gratuita quello di arrivo è il rapido e pieno risarcimento di tutti danni derivanti dal sinistro stradale.

Ti trovi in una di queste situazioni

Mentre eri a bordo
della tua auto,
sei rimasto coinvolto
in un incidente stradale,
che ha provocato danni
a cose e/o persone?

Ritieni che la somma
offerta dalla compagnia
assicurativa sia nettamente
inferiore rispetto a quella
che dovresti ottenere per
l’effettivo ristoro dei danni
subiti a causa del sinistro.

Sei stato vittima
di un sinistro stradale
provocato da un veicolo
non identificato o
sprovvisto di
copertura assicurativa?

Risarcimenti da infortunistica stradale

Abbiamo una profonda conoscenza del settore dell’infortunistica stradale. Ed è per questo che ti consigliamo di leggere quanto segue …

Ogni anno in Italia un veicolo ogni dieci rimane coinvolto in un incidente stradale. E il più delle volte, benché la tecnologia renda gli automezzi sempre più sicuri, i soggetti coinvolti subiscono lesioni, spesso gravi ed alle volte mortali. In media 10 persone al giorno perdono la vita e 800 rimangono ferite.

Il nostro Studio Legale assicura assistenza costante e personalizzata, perché dietro la gestione ottimale di ogni sinistro c’è un lavoro altamente specializzato. Rivolgersi al nostro Studio Legale è quindi certamente un’ottima scelta per fare in modo che i diritti vengano ampiamente tutelati e gli incidenti stradali giustamente risarciti.

Se sei stato vittima di un incidente stradale contatta un Avvocato del nostro Studio.

Scegli la sede a Te più vicina:

  • Bologna
  • Lecce
  • Roma

Ci spiegherai la Tua vicenda e solo successivamente,

se ci saranno i presupposti e deciderai di proseguire con la pratica, ci farai avere tutta la documentazione in tuo possesso ed eventualmente quella che Ti consiglieremo di procurarti

Ti assisteremo in tutte le fasi fondamentali, fornendoti assistenza legale qualificata e quantificazione dei danni tramite i nostri medici legali (utilizziamo anche lo psicologo per sinistri mortali in cui abbia perso la vita una persona cara o per i sinistri dai quali siano derivate menomazioni gravi).

Nella maggior parte dei casi i danneggiati accettano la proposta di liquidazione offerta dalla compagnia assicurativa senza pensare che spesso vi è una differenza enorme tra quanto offerto e quanto realmente dovrebbero ottenere per le lesioni e i danni subiti a causa di un incidente stradale. E’ proprio su questa differenza, confidano le compagnie assicurative che cercano di liquidare il danno nel minor tempo possibile non nel vostro interesse, ma al fine di evitare l’intervento di un avvocato esperto in infortunistica stradale. Questo consente a loro sia di limitare l’entità del risarcimento a voi dovuto e sia di risparmiare la parcella del professionista che è sempre a carico della compagnia assicurativa.
Ed è così che, nella infortunistica stradale, il diritto al risarcimento del danno fisico subito spesso viene calpestato, e non ottiene la soddisfazione che merita.
Certamente meno problematiche comporta la liquidazione del danno materiale, che chi non è del settore fa coincidere con il costo della riparazione del mezzo, dimenticando però che tutti i pregiudizi arrecati (anche l’aver privato il danneggiato del proprio veicolo per alcuni giorni), sono indennizzabili.
Ma è soprattutto sul “risarcimento del danno fisico” che si crea un divario tra la quantificazione dovuta, e quanto di fatto viene liquidato. Le compagnie assicurative cercano di sfruttare a proprio vantaggio la scarsa conoscenza dei cittadini della materia “infortunistica stradale” per non liquidare tutte le possibili voci di risarcimento.
Le lunghe lotte condotte negli anni dai colossi assicurativi, da sempre impegnati nell’annientare l’entità dei risarcimenti sostenendo l’approvazione di leggi sempre più sfavorevoli al danneggiato, hanno di fatto reso impervia la strada per ottenere un risarcimento che sia adeguato ai pregiudizi arrecati.

Per tali ragioni è fondamentale affidarsi a uno Studio legale o ad un avvocato esperto nella Infortunistica stradale e che possa garantirvi il massimo risultato ottenibile in relazione al caso specifico. Ed infatti un sinistro non è come l’altro, ma necessita dello studio di un professionista che possa comprendere quali voci di danno mettere in risalto al fine di garantire il risarcimento che merita.

AVREMO PREMURA DI ASSICURARTI IL RISARCIMENTO DI TUTTI I DANNI PATITI. Il danno non patrimoniale, e quindi il danno biologico, danno morale, danno esistenziale, danno da perdita del rapporto parentale ecc.; poi il danno patrimoniale, sia sotto il profilo del danno emergente (costi sostenuti per riparare il mezzo, soccorso, demolizione, spese mediche, ecc.) che del lucro cessante (mancati guadagni determinati dalla prolungata inabilità al lavoro).
Le voci di danno sono molte, quindi fai seguire la pratica sempre da un Avvocato esperto in infortunistica stradale e non lasciare che il tuo risarcimento venga quantificato solo dalla Assicurazione!

Va precisato che in pochi casi si rende necessario andare in causa e comunque solo se tu lo vorrai. L’Avvocato è la sola figura che può intraprendere un’azione giudiziaria e interfacciarsi contro le compagnie assicurative con maggiore autorità e competenza. Non va dimenticato che in poche udienze è possibile ottenere già una provvisionale a titolo di acconto, per gravi danni, che può ammontare anche al 50% del danno subito.
I Tribunali sono molto scrupolosi rispetto al risarcimento dei danni e sono particolarmente sensibili nel riconoscerli nel loro giusto ammontare. E comunque l’avvocato lascia sempre la scelta al cliente se accettare la cifra che si riesce ad ottenere in fase stragiudiziale o se instaurare un giudizio per ottenere una cifra maggiore.
Con lo Studio Legale Lazzari hai avvocati esperti in infortunistica stradale che tuteleranno concretamente i tuoi diritti! Contatta i nostri Studi.

I prossimi passi:

Ecco quali sono i prossimi passi per ottenere il risarcimento dei danni da sinistro stradale

1

ESAME DEL CASO

Valutiamo gratuitamente la tua posizione: stabiliremo se chiedere il ristoro direttamente alla tua compagnia assicurativa oppure se avanzare la richiesta di risarcimento all’impresa di assicurazione del veicolo responsabile.

2

RACCOLTA DELLA DOCUMENTAZIONE

Ti aiuteremo a raccogliere tutta la documentazione necessaria ad avviare la pratica risarcitoria.

3

NEGOZIAZIONE ASSISTITA

Se la compagnia assicurativa non comunicherà alcuna proposta risarcitoria o nel caso in cui la somma offerta risulti insufficiente, prima di agire in giudizio, dovremo tentare di raggiungere un accordo con la stessa in sede di negoziazione assistita.

4

PROCEDURA GIUDIZIARIA

Se non riusciremo a stipulare una convenzione di negoziazione assistita, avvieremo il giudizio nei confronti dall’assicurazione.

5

RISARCIMENTO

In base alla nostra esperienza, la causa termina con una sentenza che condanna la compagnia assicurativa al risarcimento dei danni subiti dal soggetto coinvolto nel sinistro.

Possiamo seguire la tua causa anche nella tua città

Tre sedi operative e decine di Avvocati in tutta Italia

  • Bologna

  • 051.6447519
  • info.bo@studiolegalelazzari.it
  • Lecce

  • 0832.398911
  • info.le@studiolegalelazzari.it
  • Roma

  • 06.56568694
  • info.ro@studiolegalelazzari.it

Testimonianze

FRANCESCO

Alcuni mesi fa, mentre percorrevo l’autostrada, sono stato vittima di un grave incidente che ha coinvolto ben quattro veicoli; fortunatamente, ho riportato danni fisici di lieve entità, ma l’auto è andata completamente distrutta nella parte anteriore; L’intervento dello Studio Legale Lazzari è stato fondamentale perché, in poco tempo, è riuscito a concludere con successo la pratica risarcitoria: io sono stato adeguatamente indennizzato e la mia automobile è tornata come nuova.

GIORGIO

Mentre ero in vacanza, ho subito un brusco tamponamento che ha seriamente danneggiato la mia auto; io ne sono uscito illeso, ma sfortunatamente, il veicolo responsabile era privo di copertura assicurativa. Preso da un forte senso di sconforto, ho contattato immediatamente gli avvocati dello Studio Lazzari, i quali, dopo avermi rassicurato sul buon esito dalla vicenda, sono riusciti a garantirmi il pieno e rapido risarcimento dei danni subiti.

ANTONIO

Sono trascorsi circa tre anni dal terribile incidente in cui io e mia moglie rimanemmo coinvolti. Fortunatamente uscimmo illesi dal quel grave evento, ma la nostra automobile andò pressoché distrutta; come se non bastasse, il veicolo responsabile del sinistro risultava priva di copertura assicurativa. Non finiremo mai ringraziare i professionisti dello Studio Lazzari, i quali, malgrado la complessità della vicenda, sono riusciti, nel breve periodo, a garantirci il risarcimento degli ingenti danni subiti dal nostro mezzo.

Oltre alla consulenza legale
pensiamo anche a tutto il resto

Uno dei principali punti di forza del nostro Studio è l’analisi del caso da parte dell’avvocato assieme ai medici legali e ai consulenti tecnici più adatti alla situazione del cliente.

Se, ad esempio, dall’incidente stradale sono scaturiti dei danni a persone e cose, lo Studio Lazzari, per prima cosa, metterà a completa disposizione del cliente un MEDICO LEGALE E DEI PERITI SPECIALIZZATI.

Solo dopo aver accertato l’effettiva entità dei danni subiti dalla persona assistita e ricostruito l’esatta dinamica dell’incidente, presenteremo la domanda di risarcimento alla compagnia assicuratrice: questo nostro modo di operare, ci consente nella maggior parte dei casi di definire la pratica con SUCCESSO NEL MINOR TEMPO POSSIBILE.

ok

Scegli uno studio legale in base alla sua specializzazione
e non fermarti al luogo in cui ha sede

DSpesso, LA PERSONA VITTIMA DI UN INCIDENTE STRADALE ritiene che la cosa migliore da fare sia quella di rivolgersi a uno studio legale a lui vicino, situato nella sua stessa città o comunque non troppo distante dalla zona in cui vive.
A nostro avviso, questo modo di pensare non è propriamente corretto perché ciò che realmente conta è richiedere consulenza a uno studio legale che, negli anni, abbia maturato una solida esperienza in un determinato settore giuridico. In altri termini, la vicinanza dello studio al luogo in cui risiedi, è un elemento che certamente non sarà decisivo per il buon esito della tua pratica; l’aspetto che invece risulta essere fondamentale, l’unico realmente in grado di aumentare le tue chances di successo, è quello di essere assistiti da avvocati realmente qualificati nel campo dell’infortunistica stradale, capaci di confrontarsi con le compagnie assicuratrici e valutare se l’ammontare offerto corrisponda effettivamente all’entità dei danni da Te subiti.

Ricorda che il nostro Studio si avvale del contributo dei MIGLIORI MEDICI LEGALI E PERITI TECNICI SPECIALIZZATI, i quali verranno scelti in base alla specificità del caso; pertanto, se ad esempio, a causa del sinistro, hai patito una lesione all’integrità psico – fisica, un medico dello Studio Lazzari, dopo aver accertato e quantificato i danni, redigerà opportuna perizia medica, su cui fonderemo la richiesta risarcitoria.

Per Noi è del tutto indifferente il luogo in cui si è verificato il sinistro stradale: che tu sia rimasto coinvolto in un incidente occorso a Napoli, a Torino anziché a Palermo, saremo sempre in grado di gestire agevolmente la tua causa – curando i rapporti con i soggetti responsabili e le loro rispettive compagnie assicuratrici – sia in sede stragiudiziale che, eventualmente, in quella giudiziale, poiché il nostro Studio, oltre alle 3 sedi principali di Lecce, Roma e Bologna , vanta oltre 70 domiciliazioni, che ci consentiranno di garantire un’adeguata assistenza su tutto il territorio nazionale.

shilld

Prestiamo assistenza e consulenza
in tutta Italia

Lo Studio Legale Lazzari opera in tutta Italia e mette al Tuo servizio l’esperienza e la competenza dei suoi professionisti.

Il tuo unico “impegno” sarà quello di inviarci copia della documentazione in tuo possesso (certificazioni mediche, modulo C.I.D., eventuale verbale delle Forze dell’Ordine ecc.), o che ti chiederemo procurarti. La documentazione ricevuta sarà, poi, esaminata dai nostri consulenti tecnici insieme ai medici legali, i quali avranno il compito di accertare l’esatta dinamica dell’incidente e quantificare i danni fisici e materiali che hai subito a causa di sinistro stradale.
La domanda di risarcimento verrà poi indirizzata, a seconda delle modalità in cui si è verificato l’incidente, alla tua compagnia assicurativa o a quella del soggetto responsabile.

L’ATTIVITÀ SVOLTA SARÀ PER TE COMPLETAMENTE GRATUITA IN CASO DI ESITO NEGATIVO

In altre parole, anche se l’esito della TUA pratica dovesse risultare sfavorevole, Nessuna spesa ti sarà addebitata per la consulenza ricevuta dal nostro Studio.

earth

Avvocati esperti in malasanità

Esponi il tuo caso, un team di esperti è qui per aiutarti

Avv. Silvia Miraglia
Avv. Silvia Miraglia
5
Avv. Maria Grazia Natali
Avv. Maria Grazia Natali
6
Avv. Viviana Temprati
Avv. Viviana Temprati
4
Avv.  Alfredo Zignani
Avv. Alfredo Zignani
2
Avv. Alessandra Giurgola
Avv. Alessandra Giurgola
1
Avv. Anna Mori
Avv. Anna Mori
2
Avv. Roberto Gubello
Avv. Roberto Gubello
3
Avv. Gianmaria D’Amico
Avv. Gianmaria D’Amico
1
Avv. Mario Lazzari
Avv. Mario Lazzari
3
Avv. Massimo Lazzari
Avv. Massimo Lazzari
2
Avv. Maurizio Lazzari
Avv. Maurizio Lazzari
1

DOMANDE FREQUENTI IN INFORTUNISTICA STRADALE

In che cosa si sostanzia il c.d. indennizzo diretto (o risarcimento diretto)

L’indennizzo diretto è una procedura che consente a chi ha subito danni a seguito di un incidente stradale, di richiedere il risarcimento direttamente alla propria compagnia di assicurazioni invece che a quella della controparte.
La procedura è ammessa in caso d’incidenti che coinvolgono non più di due autovetture responsabili e se non vi sono stati danni alla persona superiori da cui è derivata un’invalidità superiore a 9 punti percentuali.

In quali casi opera il “risarcimento diretto”?

La c.d. procedura d’indennizzo diretto si applica come regola generale ai casi in cui il sinistro ha visto coinvolti due veicoli a motore identificati e assicurati per la responsabilità civile obbligatoria, a prescindere dal fatto che da esso siano derivati danni ai veicoli, ai conducenti coinvolti o ad entrambi.
Tuttavia, tale procedura non opera, lasciando spazio alla procedura standard prevista all’articolo 148, nelle ipotesi di seguito indicate:

  • nel caso in cui le lesioni subite dai conducenti siano classificate come “macropermanenti”, ovverosia comportino un danno biologico di ammontare superiore a 9 punti percentuali.
  • Restano fuori dal campo di applicazione dell’indennizzo diretto, poi, anche:
  • i sinistri verificatisi su territorio estero (regolamentati da apposite norme);
  • i sinistri per i quali interviene il Fondo di Garanzia;
  • i sinistri nei quali siano coinvolti più di due veicoli;
  • i sinistri che coinvolgono veicoli immatricolati all’estero;
  • i sinistri in cui non vi è stato urto tra i veicoli;
  • i sinistri che vedono coinvolti veicoli speciali, macchine agricole o ciclomotori non muniti della cd. “nuova targa”.
Quali dati è necessario indicare nella richiesta di risarcimento ?

La richiesta di risarcimento deve contenere obbligatoriamente le seguenti informazioni:

  • il luogo, i giorni e le ore in cui le cose danneggiate sono disponibili (per non meno di cinque giorni non festivi) per l’ispezione diretta ad accertare l’entità del danno;
  • le circostanze nelle quali è avvenuto il sinistro;
  • la dinamica dell’incidente;
  • le targhe dei veicoli coinvolti;
  • denominazione delle rispettive compagnie;
  • il codice fiscale del danneggiato (o dei soggetti che hanno diritto al risarcimento);
  • l’età, l’attività svolta e il reddito del danneggiato;
  • l’entità delle lesioni subite;
  • l’attestazione medica che dimostri l’avvenuta guarigione;
  • l’attestazione medica comprovante eventuali postumi;
  • una dichiarazione attestante che il danneggiato non ha diritto ad alcuna prestazione da parte di istituti previdenziali o che specifici di quali prestazioni il danneggiato può beneficiare;
  • lo stato di famiglia della vittima in caso di incidente mortale;
  • se sono intervenute delle autorità di pubblica sicurezza (Carabinieri o Polizia, ad esempio) e se hanno redatto un verbale;
  • se sono intervenuti dei medici o dei sanitari, indicando a quale struttura sanitaria appartenevano;
  • eventuale certificato di morte;
  • copia del modulo blu compilata e firmata a firma singola o congiunta;
  • generalità e recapiti di eventuali testimoni.

Se la documentazione presentata dall’assicurato dovesse risultare incompleta, la compagnia assicurativa chiederà di inviare uno o più documenti integrativi entro il termine 30 giorni. In questo caso la pratica di liquidazione del sinistro potrà essere sospesa o interrotta.

Entro quanto tempo potrò essere risarcito dalla compagnia?

I tempi necessari per la liquidazione di un sinistro possono variare in base ai danni denunciati e alla tipologia di documentazione presentata dal soggetto danneggiato.
La compagnia assicurativa, una volta ricevuta la richiesta di risarcimento, procederà con la nomina di un perito per l’accertamento del danno al veicolo e, successivamente, formulerà un’offerta entro il termine di:

  • 30 giorni dalla data di ricezione della richiesta di risarcimento danni, inviata tramite raccomandata A/R, alla quale sia stato allegato il CID firmato da entrambi i conducenti, per danni ai veicoli o alle cose;
  • 60 giorni dalla data di ricezione della richiesta danni inviata tramite raccomandata A/R, nel caso in cui il CID non sia stato allegato oppure, benché allegato, non contenga le firme di entrambi i conducenti;
  • 90 giorni dalla data di ricezione della richiesta risarcitoria per danni a persona o in caso di morte.

Se il danneggiato dichiara di accettare l’offerta risarcitoria formulata dalla compagnia, il pagamento allora viene effettuato entro 15 giorni dal momento di ricezione della comunicazione.
Se invece il danneggiato non comunica alcuna risposta oppure manifesta la volontà di non accettare l’offerta, l’assicurazione corrisponderà comunque, entro 15 giorni, la somma offerta; al riguardo è bene ricordare che il danneggiato è sempre libero di accettare l’offerta oppure di trattenere l’importo proposto dall’assicurazione a titolo di acconto sul maggior importo dovuto, senza rinunciare alle sue pretese di risarcimento.

Quali accorgimenti occorre adottare nell’ipotesi in cui l’incidente abbia coinvolto un veicolo immatricolato all’estero?

Nel caso in cui l’incidente sia causato da un veicolo immatricolato all’estero, l’altro automobilista alla guida del veicolo immatricolato in Italia dovrà presentare la propria richiesta risarcitoria all’Ufficio Centrale Italiano, il quale contatterà la compagnia assicurativa estera, che a sua volta si avvarrà della collaborazione di una compagnia italiana a cui affidare la gestione del sinistro stradale.
In tale caso specifico, la richiesta di risarcimento deve obbligatoriamente indicare i seguenti dati:

  • data e località dell’ incidente;
  • nazionalità e targa del veicolo estero;
  • descrizione del veicolo estero;
  • tipologia (autovettura, autocarro, autoarticolato, moto, ecc.);
  • marca e modello del veicolo;
  • breve descrizione dell’incidente;
  • copia della constatazione amichevole d’incidente (modulo CID);
  • estremi dell’autorità eventualmente intervenuta dopo l’incidente (Polizia Stradale, Carabinieri, Polizia Municipale, ecc.), con l’esatta indicazione del Comando di appartenenza e della località.
  • Se disponibili, anche le seguenti informazioni sono molto utili per una rapida evasione della richiesta:
  • nome della compagnia di assicurazione del veicolo estero;
  • cognome, nome e indirizzo del proprietario del veicolo estero;
  • cognome, nome e indirizzo del conducente del veicolo estero;
  • copia della Carta Verde esibita dal conducente del veicolo estero;
  • copia dei documenti eventualmente forniti dal conducente estero.
Come comportarsi se il sinistro coinvolge un autoveicolo sprovvisto di copertura assicurativa? E cosa fare sei il veicolo coinvolto non viene identificato?

Qualora l’altro veicolo risulti sprovvisto di copertura assicurativa, sarà necessario far intervenire le Forze dell’Ordine, il cui verbale di constatazione sarà indispensabile per l’eventuale richiesta di risarcimento al “Fondo di Garanzia per le vittime della strada”. Si tratta di un fondo regolato dal Nuovo Codice delle Assicurazioni Private e amministrato dalla CONSAP. Il suo principale obiettivo è quello di assicurare la liquidazione dei danni alle persone che hanno riportato dei danni nelle seguenti situazioni:

  • sinistri con veicoli non identificati (solo nell’ipotesi di danni arrecati alle persone);
  • incidenti con veicoli non assicurati: per danni alle persone e alle cose;
  • sinistri con veicoli assicurati con imprese in liquidazione coatta;
  • sinistri con veicoli in circolazione contro la volontà del proprietario.

Il Fondo di Garanzia per le vittime della strada si attiva, dunque, dopo aver ricevuto una richiesta di risarcimento da parte della persona che ha subito dei danni a causa di un sinistro con un veicolo non assicurato o non identificato.

In che cosa consiste la procedura “ordinaria” di risarcimento

Il procedimento “ordinario” per il risarcimento del danno da sinistro stradale è quello disciplinato dall’art. 148 del codice delle assicurazioni.
La vittima di un sinistro stradale per i danni materiali o per le lesioni personali subite dovrà essere risarcita dalla compagnia di assicurazione del danneggiante quando:

    • l’incidente ha coinvolto più di due veicoli (es; tamponamenti a catena);
    • uno dei veicoli non sia regolarmente assicurato o sia immatricolato all’estero;
    • uno dei mezzi coinvolti non sia un veicolo a motore oppure  sia un veicolo speciale o una macchia agricola,
    • la vittima sia un pedone, un ciclista o un bene immobile.
    • non vi sia stato un impatto tra due i veicoli;
    • dal sinistro siano derivate delle lesioni cd. macropermanenti, ossia quelle che comportano un’invalidità permanente superiore a 9 punti percentuali.

Mentre, il terzo trasportato per ottenere il risarcimento dei danni da sinistro deve promuovere la procedura ordinaria nei confronti della compagnia assicurativa del veicolo in cui si trovava a bordo al momento del sinistro.
Tuttavia, se il danno riportato supera il massimale minimo di legge, la parte eccedente può essere richiesta all’assicurazione del responsabile.
È bene, infine, evidenziare che le tempistiche e le fasi della “procedura ordinaria” sono pressoché identiche a quelle viste per il “risarcimento diretto”.

Quando è possibile agire in giudizio nei confronti della compagnia assicurativa?

Se la compagnia assicurativa comunica i motivi che impediscono il “risarcimento diretto” oppure se la stessa non comunica alcuna offerta entro i termini previsti o, infine, se le parti non raggiungono un accordo, il danneggiato può proporre l’azione giudiziale.
Prima di poter avviare formalmente la causa nei confronti dell’assicurazione sarà necessario rivolgersi a un avvocato, il quale inviterà l’assicurazione a stipulare la c.d. convenzione di negoziazione assistita.
La partecipazione alla stipula della convenzione di negoziazione assistita non è obbligatoria: l’assicurazione potrebbe, infatti, rifiutarsi di aderire all’invito che le è stato rivolto. A questo punto, decorso il termine di 30 giorni dall’invito formulato senza che vi sia stato riscontro (o subito, in caso di riscontro negativo), si potrà procedere a citare in giudizio la compagnia di assicurazione per richiedere al giudice che quest’ultima sia condannata al risarcimento di tutti i danni, nonché al rimborso di tutte le spese di giustizia sostenute.